PREMESSA

Questa manifestazione deriva dal buon esito delle tre passate edizioni che si sono svolte a Verona in occasione dell’8 marzo “Giornata Internazionale della donna”, ed inserite nel
programma “Ottomarzo FemminilePlurale” del Comune di Verona.
Data la partecipazione numerosa, i riscontri positivi in termini di coinvolgimento della cittadinanza e sensibilizzazione verso temi sociali inerenti l’universo femminile e non solo, Moica Verona ha deciso di riproporre anche nel 2019 la manifestazione, con un taglio particolare, ma sempre nell’ottica di porre l’attenzione sociale su problematiche ed emergenze attuali.

DESTINATARI

La manifestazione è dedicata alle donne, ma coinvolge la cittadinanza tutta.
La partecipazione è aperta a donne, uomini, bambini, passeggini, cani, e tutti coloro che desiderano, senza vincoli e senza barriere architettoniche.

OBIETTIVI DELL'EDIZIONE 2019

  • Sensibilizzare la popolazione sul problema della ludopatia, del gioco d’azzardo patologico e sulle problematiche gravissime e sulle drammatiche conseguenza di questa dipendenza
  • Informare la cittadinanza relativamente al progetto Moica “S.A.F.E”
  • Diffondere L’INFORMAZIONE E LA CULTURA che il gioco d’azzardo porta a una dipendenza patologica, ma che si può combattere e guarire e che esistono realtà e strutture che sostengono il percorso di ripristino psicologico fisico, economico personale e familiare
  • Attraverso la figura simbolica di Giulietta, ci rivolgiamo in particolare alle donne nella Giornata Internazionale dedicata. Vediamo le donne infatti coinvolte nel grave fenomeno in triplice veste, come:
    – Vittime dirette della dipendenza
    – Vittime indirette quali familiari e prossime al/la giocatore/trice
    – Sentinelle attive in famiglia nell’intercettare il disagio e intervenire tramite il numero verde S.A.F.E 800608586
  • Sostenere economicamente con una devoluzione da parte di Moica Verona ricavata dalla partecipazione alla corsa attività locali a supporto del progetto o attività ad esso complementari , non sovrapponibili .

PERCHE' MOICA SI INTERESSA DI GIOCO D'AZZARDO

Il gioco d’azzardo ha assunto nel nostro Paese dimensioni rilevanti, supportato da una considerevole spinta commerciale, percepibile dalle numerose pubblicità trasmesse dai media, dall’aumento dell’offerta e della tipologia di giochi.

Il gioco d’azzardo patologico ( GAP) è stato riconosciuto nel DSM-V come una “dipendenza”, ossia una forma patologica che può comportare gravi disagi per la persona, derivanti dall’incontrollabilità della propria condotta, e al contempo la possibilità di generare gravi problemi finanziari e sociali.

Nel gioco d’azzardo, l’oggetto della dipendenza è una condotta lecita e socialmente accettata, che può però assumere caratteristiche dilaganti e patologiche, fino a provocare gravi conseguenze sull’equilibrio e il benessere psicofisico e compromettere le attività lavorative, le relazioni familiari e affettive, la capacità di compiere atti della vita quotidiana dei soggetti affetti.
Con il D.L. 13 settembre 2012, n. 158 convertito in L. 8 novembre 2012, n. 189, il Legislatore italiano, al fine di assicurare un più alto livello di tutela della salute, ha disposto l’aggiornamento dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) introducendovi le “prestazioni di prevenzione, cura e riabilitazione rivolte alle persone affette da gioco d’azzardo patologico.

Molto quindi viene fatto ma può essere ancora fatto in termini di Sicurezza e Tutela dei giocatori.
Queste finalità possono essere perseguite attraverso la cooperazione e il dialogo tra tutti gli attori coinvolti : Istituzioni, Associazioni di volontariato sociale, Enti ausiliari, Associazioni Culturali, Organizzazioni di Mutuo-Aiuto, Organizzazioni rappresentative della società civile, con l’obiettivo di mettere a fattor comune le reciproche competenze e conoscenze.

Moica considera quindi fondamentale diffondere la cultura e la conoscenza del gioco misurato, responsabile e consapevole senza sottovalutarne le componenti di rischio e contrastare così l’illegalità legata a questo fenomeno e le sue drammatiche conseguenze.

MINORI: Nonostante la legge italiana vieti il gioco d’azzardo ai minori, le richieste di aiuto sempre più numerose rivolte alle Aziende Sanitarie da parte di genitori, nonché gli esiti di indagini svolte denunciano una pratica sempre più diffusa e frequente del gioco d’azzardo tra i minori. Unire gli sforzi per trovare soluzioni utili a ridurre i rischi per i minori di accedere al gioco d’azzardo è obiettivo ulteriore di questa iniziativa, intenta a promuovere interventi di consapevolezza sui rischi anche in questa delicata fascia d’età.

Ecco i motivi che hanno spinto Moica, Associazione di Promozione Sociale a studiare un progetto mirato al contrasto di questo fenomeno. Un impegno importante è certamente rivolto alla comunicazione capillare da parte di tutti gli attori del progetto, dalla sede nazionale a tutti i gruppi Moica, alla divulgazione attraverso le istituzioni locali, ai professionisti che hanno collaborato alla sua realizzazione offrendo la loro competenza e il loro tempo e tutti coloro che ne comprendono l’importanza sociale.